Comune di Cadoneghe

IMU

IMU – 2020: Acconto prorogato al 16 luglio 2020.

Nuova IMU
Dal 1° gennaio 2020 con la Legge n. 160/2019 è stato abolito il tributo TASI ed è stata istituita la nuova IMU che tuttavia mantiene pressoché invariate le disposizioni vigenti per l'anno precedente.

Soggetti passivi
Proprietari di immobili, titolari di diritti reali di usufrutto, uso, abitazione, enfiteusi, di superficie sugli immobili stessi, concessionari di beni immobili, locatari finanziari di beni immobili, coniugi separati assegnatari di abitazione.

Su cosa si paga
La base imponibile è il valore degli immobili determinato come segue:
Fabbricati: applicare alla rendita catastale (rivalutata del 5%) i seguenti moltiplicatori: 
Abitazioni (categoria catastale gruppo A, escluso A/10): 160
Uffici (A/10): 80
Collegi, scuole, etc (gruppo B): 140
Negozi (C1): 55
Garage, posto auto, magazzini, tettoie etc. (C/2, C/6, C/7): 160
Laboratori, palestre etc (C/3, C/4, C/5): 140
Capannoni industriali (gruppo D escluso D/5): 65
Istituti di credito, assicurazioni (D/5): 80
Terreni: moltiplicare il reddito dominicale (rivalutato del 25%) per il coefficiente 135.
Aree Fabbricabili: valore venale in comune commercio al 1° gennaio dell'anno di imposta.

Esenzioni e riduzioni
1) Esenzione abitazione principale e relative pertinenze, esclusi fabbricati categorie A/1, A/8 e A/9 e loro pertinenze;
2) unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa, adibite ad abitazione principale e relative pertinenze dei soci assegnatari, nonché alloggi regolarmente assegnati dagli istituti autonomi per le case popolari (IACP) o dagli enti di edilizia residenziale pubblica, comunque denominati, aventi le stesse finalità degli IACP, istituiti in attuazione dell'art. 93 del D.P.R. n. 616 del 24.07.1977;
3) esenzione terreni agricoli posseduti e condotti da coltivatori diretti a imprenditori agricoli professionali (I.A.P.) iscritti nella previdenza agricola; 
4) riduzione base imponibile del 50% per unità immobiliari ad uso abitativo e pertinenze (ad eccezione per le categorie catastali (A/1, A/8 e A/9) concesse in comodato dal soggetto passivo ai parenti in linea retta entro il primo grado (genitori-figli) alle seguenti condizioni: 
- che il contratto di comodato sia registrato all'Ufficio del Registro (Agenzia Entrate)
- che il comodante possieda un solo immobile in Italia (ad uso abitativo) e risieda anagraficamente nonché dimori abitualmente nello stesso comune in cui è situato l'immobile concesso in comodato.

Novità per il 2020
La nuova IMU rende assimilata all'abitazione principale (e quindi esente) la casa familiare assegnata al genitore affidatario dei figli, a seguito di provvedimento del giudice che costituisce, ai soli fini dell'applicazione dell'imposta, il diritto di abitazione in capo al genitore affidatario stesso (novità rispetto al passato, poiché prima la norma attribuiva la soggettività passiva all'ex coniuge assegnatario della casa coniugale, senza considerare l'eventuale affidamento dei figli).

Aliquote IMU (per mille)
Per l'acconto prorogato al 16 luglio 2020 si deve versare la metà del totale dovuto ai fini IMU e TASI per l'anno 2019. Le aliquote applicate per la prima rata sono le seguenti:
• 6,0 ‰ Abitazione Principale solo per categorie A/1, A/8 e A/9 e relative pertinenze
• 1,0 ‰ Fabbricati rurali ad uso strumentale (cat. D10 o con relativa annotazione catastale)
• 0,0‰ Terreni agricoli posseduti e condotti da imprenditori agricoli a titolo principale
• 8,8 ‰ Terreni agricoli posseduti da soggetti non coltivatori diretti e non IAP
• 9,8 ‰ Aree fabbricabili
• 9,8 ‰ Altri fabbricati (compresi fabbricati di proprietà di soggetti iscritti AIRE)
• 7,6 ‰ Fabbricati industriali Gruppo D (quota allo Stato)
• 2,2 ‰ Fabbricati industriali Gruppo D (quota al Comune)
• 2,5 ‰ Fabbricati beni merce (costruiti e destinati dall'impresa costruttrice alla vendita)

Aree fabbricabili
La legge n. 223/2006 ha fornito la seguente definizione di area fabbricabile: <>. Pertanto alla luce di tale interpretazione autentica invitiamo i contribuenti a verificare la propria posizione tributaria in merito all'applicazione di tale norma ai fini dell'IMU. Ricordiamo infine che anche una semplice pratica di ampliamento (es. per adesione al "piano casa" legge regionale n. 14/2009) ha come effetto l'applicazione del tributo calcolata sulla base del valore imponibile del bene in corso di costruzione/ampliamento. Sul sito del comune è disponibile la delibera di Giunta Comunale n. 109 del 16-09-2015 con la quale sono stati forniti valori indicativi delle aree fabbricabili. Si invitano i possessori di aree a verificare la propria posizione ed eventualmente presentare la dichiarazione IUC/IMU di variazione (obbligatoria per legge) in caso di variazioni di valore, di cubatura, di inizio lavori in caso di demolizione, adesioni al piano casa, ampliamenti ecc. L'Ufficio Tributi è a disposizione per eventuali informazioni sulla corretta applicazione dei valori in oggetto.

Definizione di abitazione principale e pertinenze
Per abitazione principale si intende l'immobile iscritto come unica unità immobiliare, nel quale il contribuente e la sua famiglia dimora abitualmente e risiede anagraficamente (se marito e moglie hanno residenza in 2 immobili diversi siti in uno stesso Comune solo uno potrà essere considerato abitazione principale). Per pertinenze si intendono i fabbricati classificati nelle categorie catastali C/2, C/6 , C/7 nella misura massima di una sola unità per ciascuna delle categorie catastali indicate.

Detrazione
Detrazione annua di euro 200,00 (solo per categorie A/1, A/8 e A/9).

Modalità di versamento
L'imposta deve essere versata esclusivamente con il modello F24 o con bollettino postale intestato a Poste Italiane come da Decreto 23-11-2012. L'importo minimo annuo da versare è di € 12,00 (dodici), ovvero si versa SOLO se l'imposta totale annua è uguale o superiore a € 12,00.

Codici per compilazione modello F24
Codice Ente Comune di Cadoneghe: B345
Codici Tributo:
Abitazione principale e pertinenze (cat. A1,A8 e A9) (quota comune 3912)
Fabbricati rurali ad uso strumentale (D/10) (quota comune 3913)
Terreni (quota comune 3914)
Aree fabbricabili (quota comune 3916)
Altri fabbricati (quota comune 3918)
Fabbricati produttivi Gruppo D (quota comune 3930, quota stato 3925).
Il versamento della quota a favore dello Stato riguarda esclusivamente i fabbricati produttivi di categoria D, mentre al Comune spetta solamente la maggiorazione di aliquota.

Scadenza versamento
Acconto entro giovedì 16 luglio 2020 (versamento 50% dell'imposta dovuta
per l'anno 2019 per tributi IMU e TASI).
Saldo entro mercoledì 16 dicembre 2020 (a conguaglio sull'intero anno).

Riduzioni
La base imponibile è ridotta al 50% per:
• fabbricati di interesse storico o artistico di cui all'art 10 del D. Lgs 22.01.2004 n. 42;
• fabbricati dichiarati inagibili o inabitabili e di fatto non utilizzati secondo le caratteristiche previste dal regolamento comunale;
• fabbricati concessi in comodato d'uso.

Dichiarazione IMU
La dichiaraie deve essere presentata entro il 30 giugno 2021 utilizzando il modello ministeriale. In particolare si ricorda la presentazione per i possessori di aree fabbricabili.

Orario di ricevimento Ufficio Tributi
Dal Lunedì al Venerdì 08.30 - 13.00
Lunedì e Mercoledì pomeriggio 15.30 - 18.30

Contatti
Tel. 049 8881742 - 049 8881744
tributi@cadoneghenet.it




















 

Documenti allegati: